Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
Consorzio Q-RAD
 
 
 
 
 
 

Ristrutturazioni

Ristrutturare con i sistemi radianti: risparmio energetico e comfort

Secondo uno studio del Consorzio Q-RAD in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Padova, in un intervento di riqualificazione energetica la scelta dei sistemi radianti garantisce un risparmio energetico del 40 per cento riducendo di quasi 400 euro i costi di condizionamento per un’abitazione di circa 70 metri quadrati.

Riqualificare un edificio sotto il profilo energetico può essere una soluzione onerosa ma molto dipende dalle tecnologie selezionate dal progettista. In ballo ci sono la scelta degli impianti, il tipo di approvvigionamento energetico e, non per ultimo, eventuali forme di isolamento. I sistemi radianti a pavimento, parete, soffitto, oggi sono una soluzione emergente per tutti gli interventi di ristrutturazione per rendere più efficiente un edificio dal punto di vista del fabbisogno energetico perché si integrano perfettamente con fonti rinnovabili e interventi di isolamento.

I sistemi radianti si abbinano con fonti rinnovabili

I sistemi radianti per riscaldare e condizionare una casa, per esempio, possono sostituire, sotto il profilo dei benefici energetici, gli interventi di riqualificazione sull’involucro opaco (cappotto termico) semplificando un’opera in apparenza complessa, e che richiede spesso discussioni interminabili nelle assemblee di condominio.
Sono questi i risultati di un recente studio realizzato dal Consorzio Q-RAD in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Padova. I sistemi radianti a parete, pavimento e soffitto sono prima di tutto, una tecnologia che si può installare su un singolo appartamento così come su un intero edificio. L’impianto, che assicura sia il riscaldamento che il raffrescamento, garantisce poi a un’abitazione performance di risparmio energetico ottimale soprattutto quando è abbinato con energie rinnovabili e generatori ad alta efficienza come le pompe di calore o le caldaie di ultima generazione.

Con i sistemi radianti si risparmiano 400 euro all’anno
In base allo studio realizzato da Q-RAD con l’Università di Padova, per la ristrutturazione di un appartamento di circa 70 metri quadrati in una città capoluogo i sistemi radianti assicurano un risparmio energetico del 40 per cento associato ad un elevato comfort termico interno. In termini di costi si tratta di un risparmio annuale di quasi 400 euro sulla spesa di condizionamento. Un risultato alla portata di mano se l’impianto è integrato con interventi di riqualificazione degli elementi finestrati e con sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili. La ricerca ha confrontato le performance energetiche di questo “prototipo di casa”, che rappresenta l’85 per cento delle abitazioni nelle principali città italiane, se riqualificata con i sistemi radianti o con il rivestimento dell’edificio con un cappotto termico.

Sistemi radianti vs cappotto termico
Rispetto agli interventi sull‘involucro, il sistema radiante offre una soluzione più semplice per ridurre il consumo energetico di un’abitazione. Non è necessario, per esempio, l’assenso di tutti i condomini (i sistemi radianti si adattano sia agli impianti centralizzati che a quelli autonomi) e non richiede investimenti pari a quelli dell’installazione di un cappotto termico per isolare l’intero palazzo. Un ulteriore vantaggio è la possibilità di utilizzo del medesimo impianto anche durante il periodo estivo per raffrescare gli ambienti. I sistemi radianti offrono anche un maggiore comfort in casa dato dell’uniformità di temperatura in tutti gli ambienti, assenza di punti caldi (come i radiatori) e permettono di salvare spazio.

I sistemi per le ristrutturazioni
  • sistemi radianti a pavimento a basso spessore (elevato comfort, bassa inerzia)
  • sistemi radianti a soffitto (nessuna demolizione dei pavimenti, rapidità di installazione, funzionamento ottimale sia in estate che in inverno)
  • sistemi radianti a parete (riduzione dei fabbisogni se installati su pareti verso l'esterno)
 
 
 
 
 
 
 
 
NewsletterIscriviti e ricevi le ultime notizie sul mondo Q-RAD
 
 
Iscriviti