Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
Consorzio Q-RAD
 
 
 
 
 

Normative

Le norme dettano le regole del mercato edilizio: definiscono limiti, fissano prestazioni, prescrivono test. Nel settore dei sistemi radianti, il Consorzio Q-RAD è impegnato da anni nelle stanze dei bottoni dove si discutono e decidono le norme su questi impianti ed è il portavoce delle aziende.
Attraverso il suo gruppo di esperti, il Consorzio contribuisce anche in termini tecnici e scientifici per incentivare un miglioramento costante delle tecnologie per raggiungere il massimo comfort negli edifici. Oggi il Consorzio Q-RAD partecipa, in qualità di referente e non solo, a oltre 15 tavoli normativi (ISO, CEN, UNI) che interessano i sistemi radianti. Ecco una sintesi degli interventi in corso e di quelli effettuati di recente.

1 - SISTEMI RADIANTI
Sono un po’ la summa dei sistemi radianti, la tavola delle leggi per gli impianti a pavimento, soffitto e parete. Le UNI EN 1264 e UNI EN ISO 11855 sono i principali riferimenti legislativi per questi impianti. Q-RAD ne è il referente italiano per le norme UNI (italiane), EN (europee) e ISO (internazionale). Le due norme (di cui la prima è in revisione e la seconda lo sarà a breve), indicano come calcolare la resa dell’impianto, il dimensionamento, danno indicazioni per l’installazione e presentano metodi sia per i test in laboratorio che per la simulazioni agli elementi finiti. Si tratta di norme fondamentali per i sistemi radianti perché prescrivono i limiti di resa, dimensionali, di temperatura , compresi quelli per gli isolanti, e sono una fonte di informazione indispensabile per le aziende del settore e per i progettisti.

2- SISTEMI RADIANTI A PAVIMENTO E PARETE
Sul fronte dei sistemi radianti a pavimento il Consorzio Q-RAD è impegnato a tutto campo: dall’abbinamento con i parquet a quello con i rivestimenti in ceramica. Il sistema a pavimento è la tipologia più diffusa di impianto radiante e il contributo del Consorzio è indirizzato a incentivare l’associazione tra eleganza del pavimento e comfort assicurato dal sistema.
Q-RAD, per esempio, affianca AIPPL (Associazione Italiana Posatori Pavimenti di Legno) nella revisione iniziata quest’anno della UNI 11371. E’ una norma importante perché contiene le istruzioni per la posa di pavimentazioni in legno con i sistemi radianti specificando anche le caratteristiche della barriera al vapore. Per l’abbinamento dei sistemi radianti con i pavimenti o le pareti rivestite in ceramica, invece, il Consorzio Q-RAD ha contribuito in fase di inchiesta pubblica, con commenti e correzioni poi recepite, alla UNI 11493, norma che indica prescrizioni e suggerimenti per la diverse tipologie di posa.

3 - SISTEMI RADIANTI A SOFFITTO

Negli impianti radianti il comfort può arrivare anche dall’alto con un sistema a soffitto. Il Consorzio Q-RAD ha seguito, come referente italiano, la revisione della norma europea UNI EN 14037 che definisce le specifiche tecniche e i requisiti delle strisce radianti a soffitto alimentate con acqua a temperatura minore di 120 °C prodotta da una sorgente di calore remota. La norma, che dovrebbe essere pubblicata a breve, indica anche i dati generali aggiuntivi che il costruttore deve fornire agli operatori del settore per assicurare la corretta applicazione dei prodotti. Entrerà a breve in revisione, invece, la norma ISO 18566, di cui Q-RAD è il referente italiano e che regola i cosiddetti controsoffitti radianti. E’ una norma decisiva perché riporta limiti e indicazioni utili per aziende e progettisti circa il calcolo della resa dei sistemi radianti a soffitto, il dimensionamento e l’installazione. Il Consorzio Q-RAD parteciperà anche all’eventuale aggiornamento della UNI EN 14240, una norma fondamentale per le aziende del settore perché definisce le caratteristiche della camera di prova e la metodologia per eseguire i test per soffitti radianti in raffrescamento.

4- EFFICIENZA ENERGETICA

E’ l’ultima in ordine di apparizione, ma tra le principali conquiste sul piano normativo del Consorzio Q-RAD. Finalmente anche i sistemi radianti, grazie al contributo del Consorzio Q-RAD, hanno oggi un sistema autonomo di classificazione energetica. E’ stato di recente pubblicato il rapporto UNI/TR 11619 che, se da una parte suggerisce al progettista gli elementi che compongono un sistema radiante performante, aiuta anche l’utente finale a valutare la qualità del suo impianto. Q-RAD ha scritto la norma e l’ha proposta al Comitato Termotecnico Italiano con i commenti e suggerimenti di CasaClima, al TIS Innovation Park di Bolzano e UNI. Il rapporto tecnico, pubblicato all’inizio di quest’anno, definisce i riferimenti normativi e la metodologia di calcolo per la determinazione dell'indice di efficienza energetica dei sistemi radianti a bassa differenza di temperatura (pavimento, parete, soffitto) abbinati a strategie di regolazione, bilanciamento e pompe di circolazione.
 
 
 
 
NewsletterIscriviti e ricevi le ultime notizie sul mondo Q-RAD
 
 
Iscriviti