Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
Consorzio Q-RAD
 
 
 
 
 

Q&A - INTERVISTA A STEFANO SCHIAVON, UNIVERSITA' DELLA CALIFORNIA

6- INTERVISTA A STEFANO SCHIAVON, UNIVERSITA' DELLA CALIFORNIA
In Califonia, presso il Center for the Built Environment (CBE) di Berkeley un gruppo di ricercatori si è focalizzato sui sistemi radianti. Tra questi vi è Stefano Schiavon, Assistant Professor a Berkeley.

Intervista a Stefano Schiavon, University of California Berkeley

Stefano Schiavon, PhD
Assistant Professor of Architecture and Center for the Built Environment (CBE) at University of California Berkeley. http://www.cbe.berkeley.edu/

Quali sono le tipologie più diffuse negli Stati Uniti?
Anche negli Stati Uniti, come in Italia, per il riscaldamento vengono utilizzati sistemi radianti a pavimento. Negli uffici, dove il raffrescamento prevale sul riscaldamento, invece la soluzione più diffusa è quella a soffitto. Tra questi ci sono i sistemi metallici con tubazioni in rame e i TABS (acronimo di Thermally Activated Building Systems), ovvero sistemi ad attivazione termica della massa. Per i TABS la soluzione più diffusa è costituita da un sistema a pavimento rialzato e per questo motivo la parte radiante prevalente è quella a soffitto. Anche per gli edifici commerciali la soluzione più diffusa è quella a soffitto, perché si possono nascondere nella parte retrostante diversi impianti tecnologici e perché la migliore funzionalità è in raffrescamento.

Quali ricerche sta effettuando e ha effettuato il CBE sul tema dei sistemi radianti?
Il CBE ha avvitato da circa due anni una grande ricerca sul tema dei sistemi radianti all’interno degli edifici commerciali (2015-2019, US$3M). Questa ricerca è stata finanziata dal ‘California Energy Commission’. A questo progetto partecipano ricercatori e dottorandi del CBE, che lavorano sia nella parte di simulazione che in quella sperimentale.
La prima ricerca ha riguardato il calcolo del carico di raffrescamento (cooling load). L’analisi è iniziata con la valutazione della sua definizione, dato che è da subito emerso che, in funzione della definizione, poteva cambiare la metodologia di calcolo e quindi il risultato finale. Tale aspetto ha ripercussioni sul dimensionamento e sul controllo del sistema radiante. La principale conclusione di questo lavoro è stata dimostrare che l’equazione ‘apporti di calore = carico di raffrescamento’ non è corretta. Ricordo che le normative si basano proprio su questa equivalenza che è stata messa in dubbio attraverso analisi e misure sperimentali.
Un’altra ricerca riguarda il calcolo dell’influenza della radiazione solare per sistemi radianti a pavimento in raffrescamento. Il CBE ha sviluppato un nuovo metodo diverso da quello riportato nella norme ISO 11855, che trascura la componente di radiazione diretta.

Recentemente è stato pubblicato un articolo che mette a confronto i sistemi radianti con i sistemi ad aria. Quali sono le conclusioni?
L’articolo dal titolo “Thermal comfort in buildings using radiant vs. all-air systems: A critical literature review”, scritto da Caroline Karmann, Stefano Schiavon e Fred Bauman è stato pubblicato ad ottobre 2016.
La domanda che ci siamo fatti è: “Tutti dicono che i sistemi radianti creano un ambiente più confortevole rispetto ai sistemi ad aria. Questo è vero?” Nell’articolo sono stati analizzati 73 articoli scientifici che dimostrano che, tendenzialmente i sistemi radianti sono uguali o migliori dei sistemi ad aria.
Abbiamo inoltre trovato che la ricerca era abbastanza debole (solo 8 articolu su 73 sono stati valutati adatti alla domanda) poiche sono state utilizzate simulazioni oppure misure in laboratorio senza le persone. Pochissime sono le pubblicazioni che riportano analisi effettuate in edifici reali.
Abbiamo quindi avviato un’ampia indagine soggettiva (attraverso il questionario on-line sviluppato all’interno del CBE e adattato ai sistemi radianti) su 50 edifici climatizzati con sistemi radianti. Questi verranno poi confrontati con edifici climatizzati con sistemi ad aria; questo lavoro sarà pronto tra circa un anno. Aggiornamenti sulla ricerca vengono pubblicati su http://www.cbe.berkeley.edu/research/optimizing-radiant-systems.htm
 
Fai una domanda a Q-RAD
In questa sezione pubblichiamo tutte le domande sui sistemi radianti, e le relative risposte, che ci sono arrivate attraverso il sito, la pagina facebook del Consorzio Q-RAD o durante incontri e convegni.

Per inviare domande si può scrivere a ufficiostampaqrad@gmail.com o pubblicarla direttamente sulla nostra pagina facebook

https://www.facebook.com/consorzioqrad/
 
 
 
NewsletterIscriviti e ricevi le ultime notizie sul mondo Q-RAD
 
 
Iscriviti